Prestiti postali per ragazzi senza busta paga: i migliori prodotti, le soluzioni più vantaggiose

Indice dei contenuti

Se vuoi conoscere i migliori prestiti postali per ragazzi senza busta paga, sei nel posto giusto. In questa guida ti spiegheremo ogni dettaglio su queste soluzioni di finanziamento adatte anche a chi non ha un reddito stabile.

Prestiti postali: cosa sono

I prestiti postali sono dei finanziamento promossi da Poste Italiane che consentono di ricevere un credito direttamente sul proprio conto corrente Banco Posta. Esistono diverse tipologie di questo prestito, di solito si tratta però di finanziamenti finalizzati. Questo significa che nella richiesta di credito va specificato anche il motivo per cui si stanno chiedendo i soldi. Quindi potremo specificare se si tratta di una liquidità che andrà impiegata per l’acquisto di un’automobile, una casa o per dei lavori di ristrutturazione.

I prestiti postali sono molto vantaggiosi per diversi motivi. Principalmente poiché si può usare il proprio conto Banco Posta sia per l’accredito del denaro che per il rimborso. I tassi delle rate del prestito invece sono sempre fissi, quindi ogni mese sapremo già cosa dobbiamo pagare perché avremo un piano di ammortamento che non subirà delle oscillazioni. Sarà anche possibile rimodulare la cifra del prestito nonché la durata del finanziamento e delle rate.

Ma il prestito postale potrà essere richiesti anche se non si è titolari di un conto corrente Banco Posta. Si potrà richiedere una cifra che va dai 3 mila euro minimo fino ai 30 mila euro ed oltre.

Prestiti postali senza busta paga: cos’è

I prestiti postali senza busta paga sono dei finanziamenti per i ragazzi che non hanno ancora un impiego fisso e lavorano con dei contratti di tipo occasionale. Possono richiedere questo finanziamento coloro che non hanno un reddito stabile da poter dimostrare al momento dell’invio della richiesta.

Il prestito sarà sempre finanziato dalle Poste Italiane ed è di tipologia diversa rispetto alle classiche soluzioni. Infatti chi è senza busta paga potrà richiedere dei prestiti postali che ammontano ad un minimo di 1.500 euro fino ad un massimo di 30.000 euro. L’arco temporale entro il quale bisognerà rimborsare il prestito parte da un minimo di 12 mesi fino a un massimo di 84 mesi, ossia 7 anni.

Si potrà comunque avere un importo molto flessibile che accontenterà ogni richiesta. Con questi prestiti postali per persone senza busta paga si potranno fronteggiare delle spese urgenti di ogni tipo.

Come vengono erogate le rate nei prestiti postali senza busta paga

I prestiti postali per giovani senza busta paga, dopo essere accettati dal creditore, verranno erogati direttamente sul conto corrente fornito all’inizio. Il pagamento invece verrà fatto con delle rate mensili, come qualsiasi prestito. Il piano di ammortamento verrà deciso al momento della stipula del contratto e bisognerà rispettare ciascuna scadenza. Ma il beneficiario del finanziamento potrà comunque adeguare le tempistiche e l’ammontare delle rate in base alle proprie disponibilità.

Le rate del mese comprenderanno sia la quota capitale che gli interessi. Verranno addebitate sul conto corrente ogni fine mese a partire dal mese successivo all’arrivo del prestito. La prima rata comprenderà la quota mensile per l’estinzione del prestito, l’imposta di bollo di 14,62 euro (solo per finanziamenti che durano fino a 18 mesi), l‘imposta sostitutiva dello 0,25% del finanziamento e gli interessi di preammortamento.

Chi può richiedere i prestiti postali senza busta paga

I prestiti postali senza una busta paga possono essere richiesti da ogni tipologia di persona che non ha un reddito stabile da poter dimostrare al creditore al momento della richiesta del prestito. Ma il richiedente dovrà essere titolare di un Conto Banco Posta dove verrà versata la liquidità richiesta.

Il richiedente, prima di accettare il finanziamento o scegliere quello più idoneo, potrà comunque chiedere e valutare un preventivo della rata mensile che andrà a pagare. In questo modo lui, prima della posta, potrà valutare la fattibilità della spesa e capire se potrà sostenere il prestito oppure no.

Ma il richiedente dovrà dimostrare delle garanzie, ossia degli elementi, fisici o materiali, che assicurano la posta, ossia il creditore, di poter rimborsare l’intera somma percepita nel finanziamento. Scopriamo di quali garanzie si tratta.

Garanzie per prestiti postali senza busta paga

I prestiti postali per i ragazzi senza la busta paga dovranno comunque possedere una garanzia. Dal momento che i richiedenti dei prestiti non dispongono di beni da impegnare o di immobili da ipotecare, né di un reddito stabile dimostrabile, dovranno avanzare la presenza di un garante.

Il garante darà sicurezza alla posta in vista di un prestito molto elevato. Infatti quando si presenta la richiesta del prestito postale bisognerà presentare questi documenti: la carta d’identità, il certificato di reddito e un documento che dimostra un’entrata fissa, un documento che attesta di essere titolare di un conto Banco Posta e infine la presenza di un garante.

Gli interessi: il TAN e il TAEG

Quando si valutano i prestiti postali per i ragazzi senza busta paga bisogna capire anche quali sono i costi aggiuntivi e le spese onerose. I finanziamenti della Posta includono infatti anche dei tassi di interesse applicati su ciascuna rata, come il TAN e il TAEG. Entrambi sono dei tassi variabili.

Il tasso fisso equivale al 10,95% nei prestiti che arrivano fino ai 10 mila euro, del 9,95% per i finanziamenti che arrivano fino ai 30 mila euro. Invece il TAEG è dell‘11,65% per i finanziamenti fino ai 19 mila euro e del 9,95% nei finanziamenti fino ai 30 mila euro.

Si può richiedere il prestito postale online?

I giovani ragazzi non avranno nessun problema a richiedere i prestiti postali senza busta paga direttamente online. In questo modo eviteranno di fare le file alle poste e impiegheranno la metà del tempo per compilare la domanda. Inoltre sui siti ufficiali ci saranno sempre degli assistenti per i clienti che scelgono la modalità telematica per avere informazioni.

Basterà andare sul sito ufficiale della Posta e cliccare nella sezione dedicata. Si potrà compilare il modulo per la richiesta e aspettare che l’ente risponda in modo affermativo per poter poi iniziare a valutare la pratica. Sul conto corrente verrà inviato il prestito.

Per fare la richiesta online bisogna allegare al modulo un documento d’identità valido, i documenti che attestano il reddito, il codice fiscale e se il cliente non è cittadino italiano servirà anche il permesso di soggiorno.